Cosa ci stiamo perdendo?

Cosa ci stiamo perdendo?

È la domanda che mi pongo sempre quando scorro la timeline del mio profilo personale di Twitter e vedo foto o micro-video (che vanno tanto di moda adesso) di attimi di vita altrui: compleanni, spiagge, piatti al ristorante, drink, outfit della serata… Ci siamo noi e il web, ma come ci vede/vedrebbe una terza persona?

Io immagino spesso i miei “following” tutti impegnati a preparare “il set” per lo scatto casalingo da postare sui social per guadagnare la stellina o il retweet, mentre la nonna che passa per il corridoio alza gli occhi al cielo chiedendo silenziosamente di essere presto rapita dagli alieni. Ma questo forse è l’aspetto più buffo della faccenda…

Charlene De Guzman, in un corto magistralmente diretto da Miles Crawford, mostra uno spaccato di vita dei giorni nostri in cui tutti credo (come minimo parzialmente) possiamo riconoscerci.

I Forgot My Phone, Charlene De Guzman

I Forgot My Phone, Charlene De Guzman

Ci sforziamo di piacere a persone che in realtà neanche conosciamo, oscurando, o perlomeno penalizzando, i nostri affetti e le nostre amicizie nella cosiddetta vita reale. Vogliamo fissare e condividere il ricordo di un momento bello, divertente, emozionante e facendo questo ci scordiamo di viverlo appieno e fissarlo prima di tutto dentro noi stessi.

Saremo capaci di rivivere i nostri ricordi o dovremo effettuare un login per farlo?