OpenPatent #1

My Open Library, una biblioteca digitale open source Rev. 0.5.1 Licenza CC-BY-SA 3.0

Il progetto prevede la traduzione di testi di pubblico dominio o rilasciati sotto licenza aperta (Creative Commons o simili) dall’inglese all’italiano. La complessità del lavoro da svolgere implica che il progetto debba essere aperto e collaborativo, ovvero che lo staff d’origine sia aperto a vagliare il contributo offerto da collaboratori volontari terzi e che, anzi, cerchi di incentivarlo.

Staff

Gruppo di persone intenzionate a far partire il progetto e a lavorare per esso (ognuno contribuisce in base alle proprie competenze). Valutare la costituzione di un’associazione.

Gestire le collaborazioni

Delle utili linee guida per gestire la collaborazione alla traduzione offerta da persone esterne allo staff possono essere quelle adottate dal Gruppo Traduzione della comunità Ubuntu-it:

Piattaforma del progetto

Un sito web che fornisca:

  • Blog da usare soprattutto come un “diario di bordo” del progetto per permettere alla comunità di seguire tutti gli sviluppi.
  • Area di scambio e collaborazione, forum e/o wiki.
  • Rubrica dedicata al software libero per editare e gestire ebooks: recensioni, rilasci, strumenti a disposizione.
  • Rubrica dedicata ai giovani autori/autori emergenti (vedi dettagli di seguito).
  • Shop, sezione per la vendita di copie stampate (vedi dettagli di seguito).

Il progetto dovrà inoltre prevedere:

  • Social networks come strumento di promozione virale del progetto.
  • Applicazioni mobili (Android, iOS, ecc.) per consultare la biblioteca del progetto e scaricare i testi in formato digitale.
  • Applicazioni ebook-reader per Kindle e simili.

Rubrica autori emergenti

A progetto ben avviato e con una comunità numerosa e attiva si può aprire uno spazio dedicato ad autori emergenti che vogliono rilasciare racconti, romanzi brevi, poesie, ecc. con licenza aperta (visto che tanti scrivono comunque in maniera gratuita su blog o simili). Un modo per farsi conoscere e diffondere la cultura dei contenuti liberi (con la clausola “attribuzione” i meriti delle opere sono garantiti). Un’iniziativa divertente per la comunità potrebbe essere giocare a realizzare opere derivate ad esempio cambiando il finale e votare poi qual è il più divertente, originale, ecc.

Strumenti free software per lo staff

Per gestire ed editare gli ebooks:

Utile articolo in due parti tratto dal Blog di Franco Vite:

Fonti

Le fonti di libri da poter tradurre o già pronti in italiano da includere nella biblioteca digitale di MyOpenLibrary:

Scelta dei testi

Scelta di testi di interesse didattico/scolastico: consultare associazioni di insegnanti e persone che operano nell’ambito dell’istruzione attraverso progetti legati al software libero come ad esempio Dossier Scuola e Didattica Aperta. Il legame con questi gruppi già consolidati e operanti permette di dare concretezza al lavoro e portare ad una effettiva applicazione in campo didattico.

Scelta di testi liberi/aperti di varia natura: romanzi, manuali, testi di vario genere, se interessanti, possono essere scelti per la traduzione. L’ottimo sarebbe coinvolgere tramite il sito web gli utenti alla scelta dei testi da tradurre tramite votazione, presentare una lista di testi interessanti, descriverli in maniera più chiara possibile ed invitare gli utenti della propria comunità a votare quali debbano essere tradotti per primi. Questo meccanismo aiuta anche a generare mordente ed interesse nei confronti del progetto: le persone votano il testo da tradurre e poi non vedono l’ora che sia pronto, magari contribuiscono con donazioni o aiuto pratico affinché sia fatto in fretta.

Biblioteca digitale del progetto

I libri completati devono essere esposti e resi disponibili in maniera gratuita (nel formato digitale PDF/ebook) nel sito con un sistema che permetta rating (stelline) e recensioni da parte della comunità (utenti registrati). Anche questo aumenta molto il valore del progetto e il suo spirito aperto e collaborativo. La biblioteca digitale del progetto dovrà essere fruibile da mobile e da ebook-reader.

Qui illustriamo in un mockup l’impostazione dell’interfaccia:

Mockup Libreria Digitale

Un riferimento software esistente da considerare è il Content Store dell’Open Tablet Vivaldi, che dovrebbe essere incluso nel progetto KDE Plasma Active.

Sostegno economico

Il progetto può prevedere da subito contributi liberi tramite donazione (paypal, flattr, ecc.). Man mano che i testi vengono rilasciati si possono fare campagne ad hoc di promozione e raccolta fondi. Con una discreta quantità di testi tradotti e un buon livello di diffusione e partecipazione è possibile tentare una campagna di crowd-funding per finanziare un’attività full-time (a progetto) di almeno un anno, da ripetere poi periodicamente.
La costituzione di un’associazione forse può dare vantaggi in termini economici nella gestione del progetto, valutare.

Shop e copie cartacee

Il sito deve fornire la possibilità di ottenere copie cartacee a pagamento dei libri tradotti. Il prezzo terrà conto dei costi di stampa e di una parte (equa) di contributo al progetto. L’acquisto di copie cartacee deve essere quindi indicato come mezzo aggiuntivo per sostenere il progetto. Le copie cartacee devono essere realizzate con carta riciclata e va scritto a fine libro, fondo pagina, un messaggio del tipo “questo progetto vuol bene alla natura”.

Ecco una bozza di offerta per la sezione Shop:

  • Copia stampata semplice.
  • Copia stampata “plus”, comprende segnalibro “griffato” (in cartoncino riciclato) e matita griffata (ad esempio).
  • Pacchetto regalo,  comprende copia stampata, segnalibro, matita e biglietto “con questo regalo hai sostenuto il progetto biblioteca digitale open source, grazie”.
  • Penna USB Biblioteca Digitale “Portable”, vedi descrizione dettagliata qui di seguito.
  • Pacchetto regalo plus, comprende penna USB come sopra più copia stampata a scelta, segnalibro e matita.

Biblioteca Digitale “Portable”

Una penna USB “griffata” con dentro tutti gli ebooks realizzati dal progetto, una collezione di programmi free software per gli ebooks (possibilmente multipiattaforma), i codici sorgente, ecc.

Valutare la possibilità di includere una distribuzione live dotata di tutti gli strumenti software per ebooks, documentazione utile, segnalibri per il web browser per siti di contenuti liberi e homepage al sito del progetto.

Licenze

Le licenze dei libri tradotti devono rispettare, ovviamente, le licenze d’origine e, se possibile, rafforzarle nella loro “apertura” (es. per una Creative Commons includere lo “Share-Alike”, propagare l’open source). Questo aumenta il valore etico del progetto e la spinta al suo sostegno ed alla collaborazione.

Stato del progetto: Attivo

Il progetto è in progress e ha come persona di riferimento:

Chiunque abbia competenze utili e voglia aggregarsi al progetto può contattarla. Questo #OpenPatent è comunque a disposizione di tutti e può dar vita a più progetti.

Contibuire a questo progetto #OpenPatent

Questo progetto può accogliere contributi a vari livelli, sia tecnici che di idee e suggerimenti. Indichiamo di seguito alcuni punti importanti da sviluppare:

  • Fonti. Arricchire il più possibile il “database” di fonti di opere libere da cui attingere: biblioteche digitali, portali Web, ecc.
  • Strumenti Software. Programmi free software più validi per redigere/editare ebooks.
  • Libreria Digitale. Che strumenti open ci sono per realizzarla? Accessibile via Web, mobile, deve prevedere rating e recensioni.
  • Altro

Inviate i vostri suggerimenti/contributi inviando una mail a staff@linuxbird.org indicando come oggetto: “OpenPatent #1”. Per suggerimenti/commenti brevi potete usare la funzione commenti a fondo pagina.

2 risposte

  1. E’ partito il nostro nuovo progetto: #OpenPatentsLab | LinuxBird
    E’ partito il nostro nuovo progetto: #OpenPatentsLab | LinuxBird / 10-18-2012 / ·

    […] OpenPatent #1 […]

  2. Visto nel Web – 49 « Ok, panico
    Visto nel Web – 49 « Ok, panico / 10-21-2012 / ·

    […] OpenPatent #1: Progetto per la traduzione di libri open source ottima iniziativa ::: LinuxBird […]

I commenti sono disabilitati.