Promuovere efficacemente il proprio progetto Open Source

Promuovere efficacemente il proprio progetto Open Source

Ecco una guida preziosa proposta dal portale Mozilla dedicato agli sviluppatori, Mozilla Hacks:

How to Spread The Word About Your Code | Mozilla Hacks

Vediamone i passaggi chiave.

1. Il progetto deve essere pronto

  • Il progetto deve fare presa sui potenziali utenti e sui cosiddetti “evangelisti”, che aiuteranno la diffusione virale.
  • La scelta del nome è importante: non serve sia particolarmente geniale né tanto meno descrittivo, è utile invece che sia unico, in modo da agevolare i risultati delle ricerche web.
  • Sito web con dominio riferito inequivocabilmente al progetto.
  • Documentazione chiara e completa e licenza.
  • Materiale extra: un blog dedicato allo sviluppo del progetto, screencast, newsletter, ecc.

2. Promuovilo

  • Non sparare tutte le cartucce il primo giorno di promozione.
  • Social network per ricevere immediati feedback.
  • Cercare supporto da parte di blogger e social media influencer (con cautela, è materia di marketing, non ci si può improvvisare).
  • Diffusione (se possibile) via media tradizionali (tv, giornali).

3. Tieni vivo l’interesse

Se la promozione è andata bene è tempo di capitalizzare l’interesse e mantenerlo vivo:

  • Coinvolgimento degli utenti, agevolare (e regolamentare) il più possibile il feedback.
  • Estendere la presenza su blog dedicati e social network (se non fatto prima).
  • Non mettersi sulla difensiva rispetto alle critiche, gestire con saggezza la comunità senza cedere alla tentazione di sfruttarla a solo scopo promozionale.
  • Se fin qui è andato tutto bene, ragionare sul lungo termine, porsi degli obiettivi.

A nostro avviso nessuno di questi passaggi è facile, ci vuole duro lavoro e spesso il solo proprio coinvolgimento non basta. Uno sviluppatore per quanto bravo e versatile non può essere esperto di tutto, il nostro consiglio è, con molta umiltà, di coinvolgere persone fidate e abili nei campi necessari per i vari passaggi sopra elencati: un web designer, un esperto di marketing e social media, ecc. Ci vuole un bel team affiatato insomma, voi cosa dite? 🙂