Gibberbot, instant messaging libero e sicuro

Gibberbot, instant messaging libero e sicuro

Diciamocelo, “messaggiare” è una delle attività più importanti da fare in mobilità e le opportunità di farlo gratis sono tante. Non tutte sono però libere o rispettose della nostra privacy. Ad esempio il popolare WhatsApp è stato recentemente interrogato dal nostro Garante per la Privacy in quanto, dagli esiti di un recente rapporto dei Garanti per la Privacy canadesi e olandesi, sono emerse alcune caratteristiche di WhatsApp che potrebbero comportare implicazioni e rischi specifici per la protezione dei dati personali degli utenti. Questi ultimi, infatti, per poter usufruire del servizio di messaggistica, devono consentire che l’applicazione acceda alla rubrica dei contatti presente sul proprio smartphone o sul proprio tablet e cioè a dati personali di soggetti terzi, anche però di coloro che non hanno scaricato l’applicazione e non utilizzano quindi il servizio. Nel rapporto sono state inoltre ipotizzate possibili criticità nelle misure di sicurezza adottate, in particolare riguardo alla conservazione dei dati trattati e al loro accesso da parte di terzi non autorizzati.

Allora cerchiamo un buon client di instant messaging per Android che sfrutti possibilmente il protocollo Open Source XMPP, compatibile con molteplici e diffusi servizi di messaggistica (Google Chat , Facebook Chat, VKontakte, Yandex, Hyves, Odnoklassniki, StudiVZ, Livejournal, Jabber e molti altri). L’affidabile app store di Software Libero F-Droid ce ne suggerisce uno molto valido e sicuro: Gibberbot.

Gibberbot nasce in seno al The Guardian Project, un progetto per la realizzazione di applicazioni mobili sicure ed Open Source, e permette di realizzare conversazioni criptate via OTR (Off-The-Record) con client OTR-compatibili come Gibberbot, ChatSecure, Adium o Pidgin. L’applicazione inoltre è completamente libera da banner pubblicitari e disponibile in italiano. L’interfaccia è chiara e minimale come si vede dallo screenshot qui in basso.

unnamed

Un ringraziamento a “Passante Casuale/@DarkSoul384” per la segnalazione!