Fuggire da Prism grazie a Software e Servizi Liberi

Fuggire da Prism grazie a Software e Servizi Liberi

La scoperta del programma di sorveglianza Prism, oltre a generale scandalo e indignazione, ha presto diffuso la necessità da parte degli utenti di conoscere valide alternative per sfuggire a questo “Grande Fratello” statunitense. L’altro ieri ad esempio Bloomberg TV ha intervistato Gabriel Weinberg, CEO e fondatore di DuckDuckGo, per parlare appunto di questo motore di ricerca alternativo, rispettoso della privacy dei propri utenti e in costante ascesa (ha raggiunto ormai le 2 milioni di ricerche al giorno).

Ancora più utile allo scopo è il sito Prism-Break, che offre una panoramica completa sulle alternative più valide per tutti gli argomenti: dal sistema operativo completo al browser Web, al motore di ricerca, ai pagamenti online, ai servizi email, ai social network, al cloud storage e così via. Le alternative ovviamente vedono in prima linea software Open Source e servizi Open Source Liberi e decentralizzati.

Segnaliamo inoltre l’iniziativa Stop Watching Us, promossa da organizzazioni come Mozilla, Electronic Frontier Foundation, Fight for the Future e moltissimi altri, per organizzare il dissenso e premere sul Congresso degli Stati Uniti. Noi abbiamo già aderito, fatelo anche voi!