WiFi finalmente libero in Italia?

WiFi finalmente libero in Italia?

Con l’approvazione il 15 Giugno scorso del cosiddetto “Decreto del Fare”, il Governo (con lo specifico art.10) ha finalmente liberato i fornitori di servizio Internet pubblico (connettività WiFi, ma non solo) dall’obbligo di identificazione personale degli utilizzatori. Rimane l’obbligo di garantire la tracciabilità via indirizzo MAC (identificativo univoco dell’hardware utilizzato per la connessione). La registrazione della traccia delle sessioni (logging) non associata all’identità dell’utilizzatore non costituisce trattamento di dati personali, dunque non richiede adempimenti giuridici.

La cosa interessante è che l’articolo parla di “offerta di accesso a Internet al pubblico”, quindi non specificatamente accesso via WiFi, è lecito dunque ipotizzare che sia possibile fornire anche connettività mobile via rete 3G/4G attivando SIM dati senza necessità di fornire documenti, oppure utilizzare gli Internet point senza fornire la propria identità.

A parte questo siamo molto curiosi di vedere se ora si concretizzeranno i tanti servizi possibili con questo via libera (ad esempio per aumentare l’esperienza turistica), staremo a vedere 😉